• Roberto

Altri volti

Si parla di fame

tra le panche d’acciaio

e le camicie

di scarto. Domani una messa,

non alla solita, quella al quartiere

che sta più lontano. Ci sarà il pane santo

e un poco di vino

ad arrivarci, al mattino.


C’è chi il gelo lo sente

nella pelle spaccata,

nei denti consunti dagli aliti gialli,

nel ricordo delle lenzuola

di un tempo

e della carezza leggera di una madre

forse sepolta.

E il sangue, si gela

dal vento che infila gli squarti

dell’anima. Qui c’è un orizzonte,

domani,

alla messa lontana, tra il pane santo

e un poco,

soltanto un poco

di vino.

5 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Gabbie

Vuoto d’aria, fantasmi nei corridoi a giorno, elettrici, soltanto l’ombra a sopravanzare il passo, incerto. Assenza di orme, di polvere, memoria plurale di occhi che indagano come bambini che ti prend

Ci si guardava

Le colline hanno occhi, ma non guardano a noi, mentre, distesi immaginiamo un altro cielo oltre il buio soffitto di casa. Finestre ci celano, lontano dai muri, fragili scudi a riparo dal vento che l’a

Vedersi negli occhi

Il vento, la luna, la soglia di casa che attende in silenzio un passo mai nato. Indietro, la strada, tra luci fiammanti e alberi nani, alberi e mani, dita, diamanti nascosti. Brucia l’asfalto dentro a