• Roberto

Bords sans brodeurs

Verrà la sera, ora, in quest'alba d'ombre lucenti, di chiari mendaci, di sguardi severi verso il reale sottratto dai sogni. Avremo i sipari, gli scuri abbassati a coprire le fronti e occhi siderei intrisi di pianto verso l'intruso che ci ha parlato. Privi di un nome, di norma, di senso c'incamminiamo come in alpeggio dov'è il foraggio, o forse s'illude che sia, la salvezza, in trepida attesa. E ci rincontriamo come ogni fiaba ci ha raccontato, prima del perso ch'è stata la notte, la scorsa passata quando una luce che nessuno ha acceso ruppe l'incanto. Due fili, una tela e un canapo rosso a delimitare gli smargini ai versi mai proferiti nel silenziare dei nostri rammendi.

1 visualizzazione