• Roberto

Come quando (Dedalo)

Aggiornato il: 28 apr 2018

Sarà che la vita

ancora attende,

ma questi spigoli, questi intagli,

questi spiragli che filtrano da persiane sbilenche,

mi sembrano ancora

declinazioni.

Come se il tempo sforzasse, tra queste

che non sono strade, ma templi,

luoghi di donne, d’amore venduto,

di pietà acquistata.

Sarà che mi pare

di esserci nato,

tra queste forbici e i loro ricami

all’acqua di rose, dove si giace

e il riposarsi fa il paio col cielo

di occhi dischiusi, che scendono là

dove è possibile ancora sostare,

ma solo per poco,

finché il vento chiama,

finché tramontana c’insinui nel gelo

di un volto che ancora una volta si volta.

Sarà che si vive

soltanto per poco

e spesso nei sogni, dentro alle strade

tracciate di sbieco.

2 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Roma

Qualcosa che non so dire che non so pensare, non oso, non odo. L’odore dei passi misto al sartiame e la polvere da sparo che ci consegna per sempre al sale. Quanto, di questo, che è un altro mare, che

Doppio battesimo

Tu sali le scale e miagolando m’approvi, seduto al riparo di un appuntamento. Mi punge la schiena, un gabbiano sovrasta la croce illuminata sul campanile. Anche Cristo è sfrattato, i suoi resti per st

Nevermore

Chissà se finisce tutto qui se la luce si è spenta o un andirivieni ci attende. Cascate, sentieri, ognuno a rimuginare su quelli che un tempo sono stati pensieri. Chi sa non parli. Troppa è la vita ch