• Roberto

D’ogni orizzonte si piega

Silenziosa s’avverte l’aurora

anche dal piano inclinato del giorno.

Altro che notte, altro che luce,

la lontananza ci miete in quest’alba

tessuta di spighe e tocchi vermigli

presi ai papaveri che frusciano al vento.

Un sole distratto ci rende diversi

mostrandoci l’ombra che si declina

da un vano confine.

Nemmeno il mare può separarci

da quello in cui siamo

e che non siamo,

frammenti di tenebra,

voci al tramonto.

Vano è sentire ogni sentire..


4 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Roma

Qualcosa che non so dire che non so pensare, non oso, non odo. L’odore dei passi misto al sartiame e la polvere da sparo che ci consegna per sempre al sale. Quanto, di questo, che è un altro mare, che

Doppio battesimo

Tu sali le scale e miagolando m’approvi, seduto al riparo di un appuntamento. Mi punge la schiena, un gabbiano sovrasta la croce illuminata sul campanile. Anche Cristo è sfrattato, i suoi resti per st

Nevermore

Chissà se finisce tutto qui se la luce si è spenta o un andirivieni ci attende. Cascate, sentieri, ognuno a rimuginare su quelli che un tempo sono stati pensieri. Chi sa non parli. Troppa è la vita ch