• Roberto

Darsena

Il sole stenta tra le galere dove gli uomini sono già presi al rammendo. Una vela si gonfia, per poco. Bonaccia, in rada. Le bocche tagliate mormorano una bestemmia, devota. Si potrà salpare? Qualcosa li attende, in altura. Indefinito navigare, con una meta che si chiama “senza”. Un gabbiano rasenta una pietra scagliata per sbaglio. I miei occhi sulla calma che smuove la baia.

Specchi, tra le tue mani,

i miei riflessi. Sparsi,

polvere che la notte ha indossato.

Lingerie di parole. Provo

a dirti, ma piano,

che nessuno mi senta,

solo per ora, fino a che l’alba dorme

fino a che il mare indugia tra l’orizzonte

e queste mie mani. Sparsi, frammenti

di sguardi, echi che sfiorano

e mi volto

per vedere se davvero ci sei.

Non ancora

e poterti dire.

Ancora.

3 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Roma

Qualcosa che non so dire che non so pensare, non oso, non odo. L’odore dei passi misto al sartiame e la polvere da sparo che ci consegna per sempre al sale. Quanto, di questo, che è un altro mare, che

Doppio battesimo

Tu sali le scale e miagolando m’approvi, seduto al riparo di un appuntamento. Mi punge la schiena, un gabbiano sovrasta la croce illuminata sul campanile. Anche Cristo è sfrattato, i suoi resti per st

Nevermore

Chissà se finisce tutto qui se la luce si è spenta o un andirivieni ci attende. Cascate, sentieri, ognuno a rimuginare su quelli che un tempo sono stati pensieri. Chi sa non parli. Troppa è la vita ch