• Roberto

Dimmi

Dimmi

Incroci di strade, seguendo un cammino

senza un inizio. Forse era ieri,

forse domani. C’è un punto?

C’è stato.

Ce ne saranno.

Le storie hanno trame e punteggiatura,

ma si inizia da verbi,

da nomi.

Dune di tempo e calligrafie, ricominciare

ogni giorno dal vento.

Un pavimento di nudo azobè. La città che ci corre intorno. E chissenefrega. Tre morsi, due fami. L’ho presa ieri, io no. Discorsi indiretti. Per dire, parlano più gli occhi e le mani. I tuoi occhi

questo silenzio che a volte m’acceca

mostrandomi il mondo.

5 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Roma

Qualcosa che non so dire che non so pensare, non oso, non odo. L’odore dei passi misto al sartiame e la polvere da sparo che ci consegna per sempre al sale. Quanto, di questo, che è un altro mare, che

Doppio battesimo

Tu sali le scale e miagolando m’approvi, seduto al riparo di un appuntamento. Mi punge la schiena, un gabbiano sovrasta la croce illuminata sul campanile. Anche Cristo è sfrattato, i suoi resti per st

Nevermore

Chissà se finisce tutto qui se la luce si è spenta o un andirivieni ci attende. Cascate, sentieri, ognuno a rimuginare su quelli che un tempo sono stati pensieri. Chi sa non parli. Troppa è la vita ch