• Roberto

fate dei vostri corpi

un'opera d'arte il cuore coperto dal velluto leggero del vento ansimi ancora si dia alla notte alla selva al palpito ignoto Vestiti del solo autunno time for foilage de se déshabiller alla ricerca di un'altra domanda perduta lost perdue Dimenticata da quando la scelta la prima ci fu sottratta lasciandoci un resto Resti avanzati su tavolozza usata usati graffiati su tele su pelle per il godere enjoying jouir al solo sguardo intoccabile Intoccabili fate l'amore all'amore fate voi stessi la vita l'inchiostro la china il pigmento mirror scene d'un trompe-l'œil scavato nel pianto quel solo che v'appartiene

3 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Gabbie

Vuoto d’aria, fantasmi nei corridoi a giorno, elettrici, soltanto l’ombra a sopravanzare il passo, incerto. Assenza di orme, di polvere, memoria plurale di occhi che indagano come bambini che ti prend

Ci si guardava

Le colline hanno occhi, ma non guardano a noi, mentre, distesi immaginiamo un altro cielo oltre il buio soffitto di casa. Finestre ci celano, lontano dai muri, fragili scudi a riparo dal vento che l’a

Vedersi negli occhi

Il vento, la luna, la soglia di casa che attende in silenzio un passo mai nato. Indietro, la strada, tra luci fiammanti e alberi nani, alberi e mani, dita, diamanti nascosti. Brucia l’asfalto dentro a