• Roberto

Il navigante

Ora anche tu conosci questo mare.

Hai mescolato le sue acque con la tua rugiada

e paziente hai sgranato la rena

nell'attesa che tornassi.

Sono stato qui accanto,

anche se lontano.

Negli occhi solo scorci

e non di cielo,

tra le mani altro tempo,

mentre solo il nostro cercavo.

Così alterno, nelle ore di ora e di allora

ti ho vista crescere,

tra le luci e le ombre

e sulla rupe, mentre fissavi le onde

ti ho sentita capire

che solo noi ne siamo il destino

che solo noi siamo il Faro.

Ora anche tu conosci questo mare

e meraviglia è da te imparare

nella mia notte, a navigare.

0 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Alla fermata

Ha il colore del buio la via verso casa. Gelida è la sera un cancello attraversa la strada. Fende il selciato con un’ombra che prima non v’era sui mattoni, sull’acciottolato scintillanti della prima r

FA4

Non posso vederti, ora mentre sulla soglia del sonno potrei raccontarti la pace. Indugio. Temo di scorgere i sogni che ti figuravi e che lasciavi abbozzati, in un tratto represso, ma smanioso di talen

Non t'illumini la sera

Asseconda lo sguardo, il confine è caduto e l’orizzonte non traccia alcun varco. C’è altro cielo, oltre l’azzurro del muro che t’affronta e ti conforta. C’è altro vento, oltre il vetro ossidato che ti