• Roberto

Il tempo che non è passato

Pensare, che tutto sia semplice, che la notte sia un passo e l'alba un inizio, un battito che il chiaro di luna piena sospira. Pensare, che tutto sia tempo, che l'acqua abbia un peso ed il mare una fonte un traguardo che il senso dell'uomo distrae. Pensare. Pensare. Senza sapere che giorno sia questo, che il plenilunio sottrae dal cuore del più fondo abisso.


E ci si volta, alla parete i colori ed i santi, i giorni, le semine buone e un sentore d'oroscopi ingenui a riempire gli spazi, perché nulla sia nulla. Ci si volta, ma non è voltato, lui oggi. Da tempo sta fermo nella sua orma ingrata, nello spazio che più non c'è, ma resta. Rimane.

Pensare, che tutto rimane, che il fluire dei giorni sia mente pensiero che illuso sembiante di uomo ritrae. Pensare, ch'è solo un dipinto il nostro d'autore scomparso.

3 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

On y va

E viene in mente l'Ente. Chissà dove va l'Ente, se tra l'albume che incolla le mura o a ciancicare nella risaia là sotto alla diga, dove sul bordo s

Bon courage

C'è il parlare, una strana cadenza. Ha dell'intonare. Non che l'ami, mi è ostile e non per campanilismo démodé o per quel lento cadenzare un po' agée delle vocali, così