• Roberto

In altre forme

“Prendimi per mano”

“Devo?”

“Puoi”


Ci seguiamo, senza sapere chi stia tirando il cammino. Falce e zappa. Non che il sentiero manchi. Teniamoci a lato, sul ciglio. Mi guardi? No, l’hai già fatto. E io? Forse. L’albero qui accanto scuote al cielo le radici. Piove polvere, più avanti, sopra alle nuvole. Un passero corre mentre la lepre s’invola. Volto il capo. C’è ancora il tuo volto. Possiamo girarci, ora.


“Prendimi”

“Cosa?”

“Oltre”


Snoccioli una pesca fuori stagione. Non so più chi domandi. Ti chiedo se abbia importanza. “Ha importanza?”. Restano i re, sul sagrato. Le spalle voltate. Un altro che guarda i suoi pedoni. Sbieco. L’ombra ci attarda, ma si gioca. Sul campanile, le ore sono un ghigno di gatto. Un prete lo sfama, le lancette s’addormentano. Miagolando.


“Riusciamo?”

“Riusciamo”

3 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Roma

Qualcosa che non so dire che non so pensare, non oso, non odo. L’odore dei passi misto al sartiame e la polvere da sparo che ci consegna per sempre al sale. Quanto, di questo, che è un altro mare, che

Doppio battesimo

Tu sali le scale e miagolando m’approvi, seduto al riparo di un appuntamento. Mi punge la schiena, un gabbiano sovrasta la croce illuminata sul campanile. Anche Cristo è sfrattato, i suoi resti per st

Nevermore

Chissà se finisce tutto qui se la luce si è spenta o un andirivieni ci attende. Cascate, sentieri, ognuno a rimuginare su quelli che un tempo sono stati pensieri. Chi sa non parli. Troppa è la vita ch