• Roberto

Inframmezzo

Qui, proprio qui,

nell’incavo opaco che la notte trascina

come un sudario

mi muovo

mi svesto. Il pavimento recita l’Ave Maria.

Il pavimento è un lamento.

Fuori si sente soltanto il vento.

Rime. Ho scritto rame, bracciali, tre. I più sono rimasti. Stretti i polsi nel giudicare ciò che non c’è. Manette, prigionieri. Colpevole. Di cosa? La colpa è sempre un godere agli occhi altrui. Di chi non gode, dico. Sensi di colpa, andatevene a fare

biada, così ci si sfama. Senza gli orpelli,

senza le giostre, i tessuti, i ricami,

le ansie, gli affanni, il tempo.

Il tempo che corre come un deserto

scrivendo la sabbia senza alcun senso.

Scrivo la sabbia

senza più un senso.

All’orizzonte albe e tramonti

si fanno già sera.

3 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Roma

Qualcosa che non so dire che non so pensare, non oso, non odo. L’odore dei passi misto al sartiame e la polvere da sparo che ci consegna per sempre al sale. Quanto, di questo, che è un altro mare, che

Doppio battesimo

Tu sali le scale e miagolando m’approvi, seduto al riparo di un appuntamento. Mi punge la schiena, un gabbiano sovrasta la croce illuminata sul campanile. Anche Cristo è sfrattato, i suoi resti per st

Nevermore

Chissà se finisce tutto qui se la luce si è spenta o un andirivieni ci attende. Cascate, sentieri, ognuno a rimuginare su quelli che un tempo sono stati pensieri. Chi sa non parli. Troppa è la vita ch