• Roberto

Intermezzo (tra di me ti penso)

Vieni da me

vieni con me

non posso aspettare un’altra stagione

di primavere. Il vento mi sveglia

e ti ritrovo accanto al mio vuoto

mentre cammini al centro del tuo.

Parliamo ancora, la notte

lei, sì, potrà aspettare.

Non io

da questo approdo devo salpare,

ora è l’ora, il mare chiama.

Lo vedi? Laggiù l’orizzonte s’increspa

e posso guardare altrimenti

senza che il navigarti mi perda.

Controcorrente risalirti ogni notte

o solo una,

ma duri quanto il respiro.

Una lisca di sole scontorna

la pace delle tue labbra.

La vela si sfrangia, il sogno smargina

e mi cattura un altro silenzio.

Tra i soffitti un appunto,

ricorda il tuo nome. Ne bevo,

fino al mattino.

0 visualizzazioni