• Roberto

Le nuvole

È più di un metro, oggi.

Sentire un fossato, una curva

che dietro non sai.

Bevo un succo di tempo, rosso. Chissà se il rosso ti piace. Scoprirti. Un poco, mentre le ore s’avvolgono e la miseria stringe lo stomaco. Il mio essere altrove oggi si fa carico anche del cielo. E le nuvole avanzano. Dovremo abituarci alla pioggia?

Non amo i quozienti. Anzi,

non sempre.

Divido il pane, la sete, la pece

e le piume. Difficile dare il resto

di un solo pensiero, va in polvere

e tocca cercarlo sotto ai tappeti.

Ti cerco,

lo sguardo va dove,

dove non so. Lì, ci sei tu.

5 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Roma

Qualcosa che non so dire che non so pensare, non oso, non odo. L’odore dei passi misto al sartiame e la polvere da sparo che ci consegna per sempre al sale. Quanto, di questo, che è un altro mare, che

Doppio battesimo

Tu sali le scale e miagolando m’approvi, seduto al riparo di un appuntamento. Mi punge la schiena, un gabbiano sovrasta la croce illuminata sul campanile. Anche Cristo è sfrattato, i suoi resti per st

Nevermore

Chissà se finisce tutto qui se la luce si è spenta o un andirivieni ci attende. Cascate, sentieri, ognuno a rimuginare su quelli che un tempo sono stati pensieri. Chi sa non parli. Troppa è la vita ch