• Roberto

Le volte che ti ho incontrato (seduto al mio tempo)

Immaginare una riva lontana

oltre la casa dal patio celeste

scesa alla sera dietro alle tende

di lino antico. Immaginare un sogno

d’aprile, di primavera il canto leggero

a scendere i rami tra le persiane

colore dei fiori. Immaginare

il legno che stride, mentre il mio passo

incalza il pensiero verso quel senso

(il senso perduto)

sparso sui fogli all’imbrunire

e perso al risveglio assieme al respiro

che odora di notte. M’immaginavo

attorno a quei passi, nel luogo di un tempo,

fatto del nulla di finte memorie

dove c’è un vento e scompiglia i capelli

mentre la carta s’infrange, si bagna

di questo salmastro,

che è altro dal mare,

che è altro dal senso vuoto e sgomento

dell’immaginare.

6 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Roma

Qualcosa che non so dire che non so pensare, non oso, non odo. L’odore dei passi misto al sartiame e la polvere da sparo che ci consegna per sempre al sale. Quanto, di questo, che è un altro mare, che

Doppio battesimo

Tu sali le scale e miagolando m’approvi, seduto al riparo di un appuntamento. Mi punge la schiena, un gabbiano sovrasta la croce illuminata sul campanile. Anche Cristo è sfrattato, i suoi resti per st

Nevermore

Chissà se finisce tutto qui se la luce si è spenta o un andirivieni ci attende. Cascate, sentieri, ognuno a rimuginare su quelli che un tempo sono stati pensieri. Chi sa non parli. Troppa è la vita ch