• Roberto

Mariname

D'altrove lo sguardo sovrasta la riva mentre risacca s'incaglia, si frange sull'ultima lacrima secreta dal mare. Non s'alza altro vento, salsedine vana si posa sugli occhi: arsura s'accampa accanto alle labbra screziate dal gelo e l'occhio ci arranca, timido e fiero oltre la sera. S'incide il ricordo sull'alta marea che resta segreta: un sogno inchiostrato da nastri di versi s'affresca su tele annodate al silenzio. Siamo orfani a tempo, privi d'eredità da tramandare all'orizzonte

che ci sovrasta senza un giudizio,

senz'altra istanza oltre il tramonto.

Riluce già l'alba, ma non lo sappiamo.

Soltanto la notte ci è nota,

ma invano

1 visualizzazione

Post recenti

Mostra tutti

5 cent.

Ignaro al respiro il seguitare di giorni diafani, di attimi intonsi puri e spauriti nell'alba mai stata. S'incorre un presagio, intuona miseria preghiere selvagge per invocare il muto, l'assente

Una casa sul mare

Portami ancora alla casa sul mare, a quell'avamposto della mia infanzia dove i miei sogni, in un giorno d'agosto si diedero ai tuoi. Era un rifugio, o forse trincea per il maroso franto ogni nott

Rumore

Vapore, respiro, terra disciolta, disseminata dispersa. Odore di casa, di nomade, altero giaciglio di sogni disfatti ogni alba, di pianti riarsi dal cielo. E la neve stormisce, stormisce anche il