• Roberto

Me. Lo dramma.

Sei il pugnale infiammato che incide dentro alla pelle del nostro silenzio, la grammatica di parole ambite, la metafora, il nutrimento di un discorso in frammenti.

Sei il verbo d'istinto, il fantasma mosso dal vento nel confine inverso del precipizio dove ci attendono frasi sbiadite riflesse da un'eco priva di senso.

Sei lo sgomento, il divieto al pensiero lo scardine duro d'ogni cerniera, sei l'uscio sbarrato, opaco alle labbra che temono baci, e suonano inermi un fragile schiocco nelle nevaie sepolte al ricordo.

Sepolto allo sguardo, sporgi al sipario: stretti in fascine di fragile nebbia guardiamo fissi, stonati dal tempo mentre tu muori solo, nascendo.

2 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

5 cent.

Ignaro al respiro il seguitare di giorni diafani, di attimi intonsi puri e spauriti nell'alba mai stata. S'incorre un presagio, intuona miseria preghiere selvagge per invocare il muto, l'assente

Una casa sul mare

Portami ancora alla casa sul mare, a quell'avamposto della mia infanzia dove i miei sogni, in un giorno d'agosto si diedero ai tuoi. Era un rifugio, o forse trincea per il maroso franto ogni nott

Rumore

Vapore, respiro, terra disciolta, disseminata dispersa. Odore di casa, di nomade, altero giaciglio di sogni disfatti ogni alba, di pianti riarsi dal cielo. E la neve stormisce, stormisce anche il