• Roberto

No cerrar (El corazón)


Potrei dormire, ma l’assenza

di parole mi chiede

dove sia

che si va. Per di qua, verso il mare.

A volte tu vedi il mare,

e sento il profumo del tuo respirare

le onde lontane. A volte

mi chiedo

se il domandare sia troppo,

troppo rumore, mentre il fruscio

che ci fa pelle

sarebbe abbastanza.

“Lì tuona?” No, qui splende una notte come non mai. Potrebbero i lampi accendere il fuoco, darmi del fumo, ancora per una sera. Qui c’è silenzio, e manca il silenzio, quell’altro.

“Qui è un altroquando” e non sappiamo che forma, che tempo, abbia

la vita che pulsa

tra i polsi

tra i versi. Le tue pupille

fitte alle mie. Nero di seta,

rammendo di sera. Rammento

la sera. Que sera,

sera.

3 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Roma

Qualcosa che non so dire che non so pensare, non oso, non odo. L’odore dei passi misto al sartiame e la polvere da sparo che ci consegna per sempre al sale. Quanto, di questo, che è un altro mare, che

Doppio battesimo

Tu sali le scale e miagolando m’approvi, seduto al riparo di un appuntamento. Mi punge la schiena, un gabbiano sovrasta la croce illuminata sul campanile. Anche Cristo è sfrattato, i suoi resti per st

Nevermore

Chissà se finisce tutto qui se la luce si è spenta o un andirivieni ci attende. Cascate, sentieri, ognuno a rimuginare su quelli che un tempo sono stati pensieri. Chi sa non parli. Troppa è la vita ch