• Roberto

Noche y leche

Ci resta il sognare, le nubi s'accoccolano sopra i mogotes e il sole c'impallida, come la sera tinta d'arancio e di pioggia impazzita. Ancora uno sguardo, le labbra gelate da un frozen daiquiri si riaccapponano, perse, mai pronte a dimenticare la pelle, quel nostro abusato cenare di soli respiri. Ci resta il rapire quest'altro puledro, che bruca qui accanto sazio di vita, facendola in barba al caballero e fuggire glabri da ogni pensiero, da ogni altro istinto di ricordare. Ci resta un rifugio, quel fienile scalzo, a fianco alla finca in fondo alla strada, dove finisce ogni bivio di questo sentiero infangato dal doppio nome: il tuo, prima e ora il mio, dopo la guerra

(¿quien es libre?)


E nessuno sa più dove andare.

2 visualizzazioni