• Roberto

Pierrot

iconico

male

faccia bianca

nera

lacrima solca invano

l’attraversare

verso

altre parole


Amatevi ancora, senza altro dire

che un solo sguardo. Occhi rubati

e ricambiati, perché rivedersi

sia già allontanarsi. Ancora dormire,

accanto, abusati, al suono di pioggia

tenendo al riparo i corpi sudati

dall’offertorio. Amatevi ancora

finché potete, la sera s’attarda

dove la pelle si piega al lenzuolo

scoprendosi al vento, al tatto dell’uomo

che indugia il respiro. Amatevi ancora,

ma senza parlare, senza mai dire

dei vostri nomi e delle altre parvenze

che vi contornano mentre vi amate:

siate la notte che geme in silenzio

una lacrima nera.


sospiro

eco di un altro respiro

soltanto un ricordo

che cala

il sipario dietro al vociare

incessante tormento

la notte

sul viso

1 visualizzazione

Post recenti

Mostra tutti

Gabbie

Vuoto d’aria, fantasmi nei corridoi a giorno, elettrici, soltanto l’ombra a sopravanzare il passo, incerto. Assenza di orme, di polvere, memoria plurale di occhi che indagano come bambini che ti prend

Ci si guardava

Le colline hanno occhi, ma non guardano a noi, mentre, distesi immaginiamo un altro cielo oltre il buio soffitto di casa. Finestre ci celano, lontano dai muri, fragili scudi a riparo dal vento che l’a

Vedersi negli occhi

Il vento, la luna, la soglia di casa che attende in silenzio un passo mai nato. Indietro, la strada, tra luci fiammanti e alberi nani, alberi e mani, dita, diamanti nascosti. Brucia l’asfalto dentro a