• Roberto

R y J (Los niños)

Da sud, il vento, la pace che ci mantiene, senza più cibo da respirare per darci a un'altra quiete. (a love struck Romeo) Ci cancella anche il nome, una rumba, l'accordo che non si conviene a una playa, al mediodia. El Chino si strugge, melodia ricorda la luna l'incontro d'un cielo che lo separa dal mondo del suo tormento. Nessun firmamento in questa ora bieca così arcana dedicata al sapore d'un santo. Se habla escuchando, si resta (with a love song that he made) a sillabare nel puro disincanto. Palabras, palabras del amor, risuonano accordi dimenticati, ci si riallontana, si canta a una voce cercando quel luogo, la cueva escondida (there's a place for us) dove l'amore era pelle, era carne era attimo, istinto, godere d'ogni sospiro. Un pallido cielo ora ci scuote da lapidi e sogni innominati (and now your dream is real) scommesse già perse, (You and me, babe, how 'bout it?) un peso, mi amor, morir è il prezzo di questa vita.

1 visualizzazione

Post recenti

Mostra tutti

Gabbie

Vuoto d’aria, fantasmi nei corridoi a giorno, elettrici, soltanto l’ombra a sopravanzare il passo, incerto. Assenza di orme, di polvere, memoria plurale di occhi che indagano come bambini che ti prend

Ci si guardava

Le colline hanno occhi, ma non guardano a noi, mentre, distesi immaginiamo un altro cielo oltre il buio soffitto di casa. Finestre ci celano, lontano dai muri, fragili scudi a riparo dal vento che l’a

Vedersi negli occhi

Il vento, la luna, la soglia di casa che attende in silenzio un passo mai nato. Indietro, la strada, tra luci fiammanti e alberi nani, alberi e mani, dita, diamanti nascosti. Brucia l’asfalto dentro a