• Roberto

Rumore

Vapore, respiro, terra disciolta, disseminata dispersa. Odore di casa, di nomade, altero giaciglio di sogni disfatti ogni alba, di pianti riarsi dal cielo.

E la neve stormisce, stormisce anche il vento, svanisce ogni tempo svanisce anche il senso

Dolore, respiro vespero assolto, disincantato, asperso. Cenere e sale alla deriva, senza una soglia d'orme lasciate ogni sera, d'attimi brevi, alla riviera.

E la neve ghermisce, ghermisce anche il senso scurisce ogni vento scurisce anche il tempo

Calore, respiro asma d'ascolto, disincarnato, ferito. Diaspora, esilio terra straniera, graffiato di pelle annottata, sopita, di grida e muti silenzi.

E la neve zittisce, zittisce anche il tempo sfiorisce ogni senso sfiorisce anche il vento

2 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

5 cent.

Ignaro al respiro il seguitare di giorni diafani, di attimi intonsi puri e spauriti nell'alba mai stata. S'incorre un presagio, intuona miseria preghiere selvagge per invocare il muto, l'assente

Una casa sul mare

Portami ancora alla casa sul mare, a quell'avamposto della mia infanzia dove i miei sogni, in un giorno d'agosto si diedero ai tuoi. Era un rifugio, o forse trincea per il maroso franto ogni nott

Trasmigrante (Hermes)

Piovono pietre su questo pensiero d'anima riarso. S'appilano argini, tombe, selciati. Immagini e volti s'imprimono al tempo qui mai scomparso nel ruscellare di frante parole, d'intrisi bisbigli