• Roberto

Scorse le nubi

Qui vige il vento,

ed è la luna a regnare sul mare

mentre il suo cielo significa

un policromo senso di laguna.

Qui non c'è tempo, oltre

al tempo di chi non ha tempo.

Diversa è la sera per chi non sa

quale giorno, quale ora

tornerà a rappresentare

una foto, un ricordo,

il segno duro del senso d'esilio

inciso sul viso, come il rituale

dell'appartenenza. Qui

non si possiede, si è

quello che si cerca di essere.

Qui, lenta, ogni cosa, diviene.

1 visualizzazione

Post recenti

Mostra tutti

Mezzanotte (silencio)

Accomodati, una fila in platea è prenotata. Avrai il tuo pianto, un'alcova blu notte, blu labbra, blu ciglia. Sipario si leva, due gesti, le maschere. Orpelli, battute, finzioni. Funzioni della n

Borotalco

Vago pensare ai cipressi, alle rose alle altere calendule, ai giacinti, al timido fiore del melograno, quando è la sera. Si celebra ancora, ma l’altare è senza quell’ombra gradita al divino. Scom