• Roberto

senz'altro

resterà solo il nome tra i campi arati alla semina in mezzo alle piane nelle risaie dove le liane c'intagliano a pelle e la luna si specchia nera tra i capelli di chi non si è amato Negl'incagli di un tempo rifratto tra i nostri occhi perderemo i vestiti i colori di una tenera infanzia nell'ombra d'un sole ritorto a squadrare le mura della nostra parola Saremo stranieri nessuno ostacolo più in questo dire e la scelta tra i coralli alla rena o le pietre di un'altra radura sarà solo una china della stessa strada Solo il nome tra i versi pallidi al fuoco impavidamente sopravvivendo ai corpi sottratti alle ciglia rapite dal solo sentire Un'eco

4 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Gabbie

Vuoto d’aria, fantasmi nei corridoi a giorno, elettrici, soltanto l’ombra a sopravanzare il passo, incerto. Assenza di orme, di polvere, memoria plurale di occhi che indagano come bambini che ti prend

Ci si guardava

Le colline hanno occhi, ma non guardano a noi, mentre, distesi immaginiamo un altro cielo oltre il buio soffitto di casa. Finestre ci celano, lontano dai muri, fragili scudi a riparo dal vento che l’a

Vedersi negli occhi

Il vento, la luna, la soglia di casa che attende in silenzio un passo mai nato. Indietro, la strada, tra luci fiammanti e alberi nani, alberi e mani, dita, diamanti nascosti. Brucia l’asfalto dentro a