• Roberto

Tra mani e sentieri

Fosse un solo pensiero

a sciogliere i muscoli, a svellere sguardi

a spaccare ogni cardine,

a risolvere ogni curata apparenza dietro alla quale

siamo soltanto istinti di pioggia.

Fosse già oggi, che l’orizzonte

m’appare uno con questo mare. Sarà che il sale che vedo sulle tue labbra

ancora mi miete,

cucendomi al solo sospiro.

Sarà che il mattino ancora profuma

di sogni e cappotti,

di pelle e sbadigli

e di parole che ammainano il senso.

Fosse possibile immaginare

tu ora che vedi,

in questa che forse è primavera

in questo che forse è già mare.

Fosse possibile, da queste colline,

da questi aspri tornanti di tempo

scendere a riva, le pietre scrutare

cercando un barlume di vento che sveli

se questa calma che prende i miei occhi

riposi nei tuoi e se quest’alba

che già m’infuoca salendo da oriente

sia tua.

2 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Roma

Qualcosa che non so dire che non so pensare, non oso, non odo. L’odore dei passi misto al sartiame e la polvere da sparo che ci consegna per sempre al sale. Quanto, di questo, che è un altro mare, che

Doppio battesimo

Tu sali le scale e miagolando m’approvi, seduto al riparo di un appuntamento. Mi punge la schiena, un gabbiano sovrasta la croce illuminata sul campanile. Anche Cristo è sfrattato, i suoi resti per st

Nevermore

Chissà se finisce tutto qui se la luce si è spenta o un andirivieni ci attende. Cascate, sentieri, ognuno a rimuginare su quelli che un tempo sono stati pensieri. Chi sa non parli. Troppa è la vita ch