• Roberto

Un passo accanto

C’è del sale, lungo questo cammino,

come tra il nero, ogni notte,

là dove i sogni si piegano al loro destino.

Punti di bianco

più forti di qualsiasi parola.

Attorno, macerie,

che sanno di buono.

Tutti i miei spazi

crollati

guardano al cielo.

Mettere gli occhi nel crespo del mare

senza temere, senza guardare

altro che te.

Sei dove c’è il vento. E le parole

scolorano tra le mie labbra,

tra il voler fare e il non poter dire

portati via dalla tramontana.

Soltanto suoni, nudi al silenzio.

Leggere e scrivere

suoni diversi.


Ce mur

que déjà dans les yeux n'est pas une frontière

c'est déjà son passage, c'est déjà tes mains.

Ici, je les voudrais, et aujourd'hui, et demain,

pour marcher ensemble

pendant que nous lisons

chaque mot écrit sur la vie

qui sonne et résonne

comme des mains qui jouant sur un mur

2 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Roma

Qualcosa che non so dire che non so pensare, non oso, non odo. L’odore dei passi misto al sartiame e la polvere da sparo che ci consegna per sempre al sale. Quanto, di questo, che è un altro mare, che

Doppio battesimo

Tu sali le scale e miagolando m’approvi, seduto al riparo di un appuntamento. Mi punge la schiena, un gabbiano sovrasta la croce illuminata sul campanile. Anche Cristo è sfrattato, i suoi resti per st

Nevermore

Chissà se finisce tutto qui se la luce si è spenta o un andirivieni ci attende. Cascate, sentieri, ognuno a rimuginare su quelli che un tempo sono stati pensieri. Chi sa non parli. Troppa è la vita ch