• Roberto

Una casa sul mare

Portami ancora alla casa sul mare, a quell'avamposto della mia infanzia dove i miei sogni, in un giorno d'agosto si diedero ai tuoi. Era un rifugio, o forse trincea per il maroso franto ogni notte dal mio riposo, quando il tramonto si dava altro tempo nei nodi dell'alba.

Sciolti nel sale, sciolti i capelli, ogni pensiero rinfuso nell'altro, solo lenzuola e il respirare di tramontana dal risaccare verso una riva mai troppo vana.

Ora era tua.

Tuo quel silenzio, tuo quell'abbrivio d'adolescenza che ogni giorno frugava alla rena.

Ora era tua.

E il vento mentiva d'inganno un ritorno.

Non era forse quella l'estate e questo, qui e ora, è un artificio sottratto ad un tempo, alle macerie, dove d'organza rimane il profumo e un'altra notte, quando ai miei occhi l'unica eco che suona è il ricordo.

5 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

5 cent.

Ignaro al respiro il seguitare di giorni diafani, di attimi intonsi puri e spauriti nell'alba mai stata. S'incorre un presagio, intuona miseria preghiere selvagge per invocare il muto, l'assente

Rumore

Vapore, respiro, terra disciolta, disseminata dispersa. Odore di casa, di nomade, altero giaciglio di sogni disfatti ogni alba, di pianti riarsi dal cielo. E la neve stormisce, stormisce anche il

Trasmigrante (Hermes)

Piovono pietre su questo pensiero d'anima riarso. S'appilano argini, tombe, selciati. Immagini e volti s'imprimono al tempo qui mai scomparso nel ruscellare di frante parole, d'intrisi bisbigli