• Roberto

Una foglia color dei tuoi occhi

Eppure, sei qui,

nonostante le nubi, la pioggia,

il sereno che appare e disarma,

i pugni stretti alla terra,

tra i passi di strada.

Sei qui, e non dovresti. Vorresti?

Ci si rintana in un altro sognare.


Le spighe ondeggiano mentre la quiete risale tra i campi. Le colline s’infuocano dell’ultimo sole del giorno. Stai sfogliando un papavero, poi corri, e ti perdo. Ma è facile ritrovarti, dietro a quell’albero che sembra non temere il firmamento. Tra quelle chiome altre anime hanno ritrovato riparo, prima di noi. Mi sfuggi, ti prendo, ti abbracci ad un ramo, poi scivoli e io inciampo. Ci cadiamo addosso. Una foglia che piove sopra al tuo viso. Ridi. Rido.


E poi?

E poi, diamine,

accade

quello che già sapete.

3 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Roma

Qualcosa che non so dire che non so pensare, non oso, non odo. L’odore dei passi misto al sartiame e la polvere da sparo che ci consegna per sempre al sale. Quanto, di questo, che è un altro mare, che

Doppio battesimo

Tu sali le scale e miagolando m’approvi, seduto al riparo di un appuntamento. Mi punge la schiena, un gabbiano sovrasta la croce illuminata sul campanile. Anche Cristo è sfrattato, i suoi resti per st

Nevermore

Chissà se finisce tutto qui se la luce si è spenta o un andirivieni ci attende. Cascate, sentieri, ognuno a rimuginare su quelli che un tempo sono stati pensieri. Chi sa non parli. Troppa è la vita ch