• Roberto

Viandanti

Aggiornato il: 28 apr 2018

L’alba breve venuta dal mare

tra le mani

spicchi di tempo. Il tuo, il mio

e un lungo cammino chiamato età

davanti ad occhi che non sanno parlare.

Parole incrociate,

incrociarsi in un dove,

di tanto in tanto,

e osare sentire il dolce pensiero

che sia uno il sentiero e che incontrarsi

sia testimonianza dell’esserci persi.

Poi ritornare, il sole alle spalle

ad inseguire anche l’ombra,

e vagare, come vaga la notte

chi è senza una casa e s’illude, agli spiragli

venuti da soglie socchiuse.

2 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Roma

Qualcosa che non so dire che non so pensare, non oso, non odo. L’odore dei passi misto al sartiame e la polvere da sparo che ci consegna per sempre al sale. Quanto, di questo, che è un altro mare, che

Doppio battesimo

Tu sali le scale e miagolando m’approvi, seduto al riparo di un appuntamento. Mi punge la schiena, un gabbiano sovrasta la croce illuminata sul campanile. Anche Cristo è sfrattato, i suoi resti per st

Nevermore

Chissà se finisce tutto qui se la luce si è spenta o un andirivieni ci attende. Cascate, sentieri, ognuno a rimuginare su quelli che un tempo sono stati pensieri. Chi sa non parli. Troppa è la vita ch