FA4

March 5, 2013

Non posso vederti, ora

mentre sulla soglia del sonno

potrei raccontarti la pace.

Indugio. Temo di scorgere

i sogni che ti figuravi

e che lasciavi abbozzati,

in un tratto represso,

ma smanioso di talento.

 

Ti rassegnavi

al cospetto dei dodici colori,

la mano indugiava

tra le matite recate per dono

o per penitenza.

Avresti avuto il tempo,

pensavi.

per scegliere le tinte più tue

e dipingere un mondo di sogni.

 

Restava una mezza giornata

il foglio incompiuto,

sul tavolo solcato dai gomiti.

Stringevi le tempie

per costringere i tuoi desideri

a diventare un diritto

e compiersi.

 

A sera, ritrovavi il compito

accanto ai pastelli accorciati:

il fantasma di un sogno

grondante dell’altrui pietà

reclamava il suo nome

con i colori del tuo arcobaleno.

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

October 27, 2017

October 24, 2017

October 23, 2017

October 22, 2017

October 9, 2017

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square