Cacio e pepe

August 12, 2016

Mosaici di pietra

duri, per i denti

mentre mastico, cosa non so

dove mangiare.

Vicino, e mi esponi

un dire un po' conosciuto,

non un'eco, né messaggio

che racconti qualcosa.

Io, qui. A fare che cosa

che cosa non so

né m'importa, alla fine

sono dov'è ogni inizio. Con me,

in tasca uno spicciolo

per qualcosa da ricercare:

cosa sia

              cosa non so

ma è qui, che cammina con me

sul lastrico, in piedi

scalzo come sempre vorrei

(ma spesso non è, non sono)

E due americane, che si fanno la foto

su una vespa moderna. Per loro è l'uguale:

gli anni Sessanta e il Colosseo

o il finto menù dell'antica Osteria

aperta nel duemilasei.

Sono un sol di passaggio, un'arte stonata

che non sa suonare e che crede

che ogni dì si risolva in sera, al balcone

stretto sulla Lungaretta. Mastico e sputo,

com'è suggerito, poi ancora respiro

come sono obbligato. C'è libertà, mi chiedo

cercando un fresco,

un'altra ombra al pensiero che assaggia

ancora granita siciliana.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

October 27, 2017

October 24, 2017

October 23, 2017

October 22, 2017

October 9, 2017

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square