Una sola notte romana

April 28, 2012

Così deserta è Termini, stanotte

che posso sentire i miei passi leggeri

mentre calpesto orme di altri

che hanno già preso il loro treno.

Il mio forse è ormai partito.

C’è un buco sul tabellone

e solo io l’avverto.

Stasera non parto.

 

In Piazza dei Cinquecento la gente

attende di tornare a casa:

è venerdì sera e i padri hanno doni,

muti perdoni per giorni d’assenza.

Non trovo i soldi per darmi a un tassì

che mi porterebbe dove non vorrei

e ho un biglietto scaduto,

i tram sono pieni.

Mi restano solo tremule gambe.

Le tocco, irruento, per sentirle.

A camminarci, paiono fiammelle,

così sottili

che solo un respiro potrebbe fermare.

 

A Vittorio Emanuele anche i cinesi

chiudono le serrande.

Loro, un letto li attende

o forse un dormitorio

dove sentire rumori di altre persone

ed essere un po’ meno soli.

Biascico passi

parole non dette mi stringono i pensieri…

Dove sei?

S’avvicina obliquo, quell’uomo,

m’accosta la mano, chiede un solo pensiero

…ma io non fumo

e gli cammino oltre, incolpandomi

perché prima della voce bruna

ho temuto il suo bronzo,

la pelle ossidata, dietro la barba

che silenziosa raccontava

del suo lungo tempo.

Il mio è così breve…

Dove sei?

Non mi ascolto, ho una borsa

che altri vorrebbero. Accelero il passo.

 

C’è luce a San Lorenzo,

nel sentirla, si rafforza

quello che mi sostiene.

Dall’altra parte della strada

il respiro temuto si fa vento

e m’accorre,

fino a fermarmi, nel suo forte abbraccio

che la vita, tutta la vita

riaccende.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

October 27, 2017

October 24, 2017

October 23, 2017

October 22, 2017

October 9, 2017

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square