difficile e vana

October 24, 2017

era parola o punto
croce
          ferita
                    orgoglio
vanità degli oppressi un solo
bicchiere

 

Il tavolo è vuoto, assenza di sale.
Manca la polvere sullo scaffale,
un forno distratto rigurgita oro,
troppo, per uno. E il vento non entra 
dalle finestre bucate alle mura
d’ogni perché. Perché venga il tempo 
e goda il rimando di un altro ricordo
ad annacquarci ogni vino, ogni sera.

 

facciamo il punto
                                tondi
neri sembianti la fine 
una non altre una 
                                  fotografia
parla il silenzio

 

Dimmi a chi parlo, ora che il vuoto
rompe gli indugi, intreccia il senso
sciogliendo i nodi a un endecasillabo
nato in miseria, cresciuto in realtà
tra l’illusione di essere un metro 
perfetto. Ma non risuona 
                                               e infrange la legge
infrange i capelli, infrange la strada,
l’ottava, la quinta, la quarta 
                                                   parete.
                                                                 Pare te.
 Il tuo volto, qui.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

October 27, 2017

October 24, 2017

October 23, 2017

October 22, 2017

October 9, 2017

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square